Berta, Galia Lahav: la collezione sposa 2020 di Passaro

Berta, Galia Lahav: la collezione sposa 2020 di Passaro Sposa dedicata alle donne che diranno sì il prossimo anno è davvero eterogenea.

Dalle proposte più classiche e romantiche, a quelle più innovative: tutte, comunque, vi lasceranno senza fiato!

Volumi ampi e fiabeschi, ma anche cascate di fili di cristalli a tema Grande Gatsby per illuminare il party.

Il velo? Sì, preferibilmente in Chiesa, magari leggero, dal taglio vivo. Il colore dell’abito? Come preferisce la sposa, anche se il rosa va molto, come propone Antonio Riva.

La collezione sposa 2020 di Passaro è decisamente molto varia ed è sempre vero che il momento della scelta dell’abito da sposa è senza dubbio tra i più emozionanti della vita.

I sogni di bambina, i desideri di donna e le aspettative di futura moglie sono riposti tutti lì, in quel capo unico e a tratti un po’ speciale.

Si capisce di aver trovato quello giusto quando, una volta indossato, provoca un’emozione. E quell’emozione è evidente. Il viso cambia completamente.

E’ un viaggio tra nuance delicate la collezione sposa 2020, un inno alla femminilità e dettagli di «ispirazione Grande Gatsby» per non farsi mancare l’appeal più glamorous durante il grande giorno.

Parlerà di una donna che sta compiendo un percorso personale attraverso i sentimenti la collezione sposa 2020. Ecco perché le proposte sono legate all’idea del sogno e delle favole espressi da volumi un po’ più ampi e vaporosi. Ma il viaggio può essere compiuto anche verso altri mondi e altre epoche.

Ci sarà un vero salto nel mondo del Grande Gatsby con forme pulite e linee molto scivolate, ma al tempo stesso arricchite dalla preziosità dei materiali.

La scelta del colore è molto personale. Tocca alla sposa sentire e decidere di sposarsi non col classico abito bianco. Il rosa è per eccellenza il colore della femminilità e c’è un po’ bisogno di tornare a parlare delle donne con garbo e rispetto.

A prendere piede per la collezione sposa 2020 è la scelta del doppio abito: uno per la cerimonia, l’altro per il party.

Tags: